Scopri i concerti in italia e in europa Milano - Bologna - Roma - London - Dublin - Glasgow - Manchester - Ferrara - Paris - Moncalieri - Barcelona - Torino - Collegno - Firenze - Paderno Dugnano

FRANS ZWARTJES “Frans Zwartjes”

Considerato da Susan Sontag come "il più importante cineasta sperimentale del suo tempo", Frans Zwartjes ha percorso una vasta gamma di percorsi artistici prima di arrivare al mezzo per il quale è diventato più noto. Formatosi come violinista classico, ha trascorso cinque anni suonando con l'Opera olandese, prima di esplorare il mondo della pittura e della scultura, per approdare infine al mezzo cinematografico. Tra la fine degli anni '60 e la sua morte nel 2017, Zwartjes ha realizzato oltre 50 opere cinematografiche, la maggior parte delle quali in bianco e nero. -lavori sperimentali bianchi che utilizzavano tecniche di montaggio in camera e tendevano a rinunciare alla struttura narrativa, nota per essere altamente stilizzata, poetica e claustrofobica.Rinunciando al dialogo a favore di primi piani, angoli distorti, montaggio ritmico e sound design ipnotico e minimale, il suo lavoro collettivo approfondisce i temi del voyeurismo, dell'intimità e della tensione sensuale e domestica. I film di Zwartjes erano una forma di arte totale. Non solo li ha prodotti, diretti e montati lui stesso, ma ha messo a frutto la sua vasta conoscenza ed esperienza nella musica componendo e improvvisando anche le loro colonne sonore.La vita precedente di Zwartjes come musicista professionista gli è stata molto utile. Per quanto straordinari siano i suoi film, i suoni che ha composto e registrato per essi reggono facilmente da soli.Dopo la scomparsa di Zwartjes nel 2017, il suo studio è rimasto sigillato e intatto. All'inizio del 2023, a Purge è stato consentito un accesso senza precedenti e ha scoperto un baule di nastri da 3/4 di pollice senza etichetta, ciascuno contenente musica completamente inascoltata dall'artista. Questi lavori si sono rivelati in gran parte improvvisazioni basate sul sintetizzatore, create durante la fine degli anni '60, gli anni '70 - il suo periodo cinematografico più fertile - e i primi anni '80, tutti per film rimasti non realizzati o incompiuti. Raccogliendo attentamente cinque dei più sorprendenti di questi sforzi, a differenza delle sue versioni precedenti, queste registrazioni sono state poi trasferite direttamente dai nastri originali e nuovamente masterizzate su quattro lati del vinile.
Pubblicato il